Posts Written By rossodisara

Vecchio leone

Mio padre è nato mentre Hilter rinviava l’invasione della Gran Bretagna; è sufficiente questo per far tremare i polsi di fronte a tanta storia. Non fosse per il fisico asciutto e agile, i capelli ancora grigi e ricci, il cipiglio dello sguardo ogni volta che gli parlo di lavoro e dei progetti che vorrei realizzare, più che un babbo mi sembra di avere a che fare con una sequoia. Mio padre è nato ottant’anni fa e non è mai stato fermo a vivere la vita che gli capitava sotto il culo. Mio padre se l’è creata, una vita. E ancora…

Continue Reading
1 Comment

No, tu no.

Nouaaaaaai donuanna folinlov uidiu Nouaaaaaai donuanna folinlov uidiu FANCULO “Con chi ce l’hai Sara?! Col povero Chris Isaak?!” ridacchia Omar mentre abbassa l’audio dell’auto. No, non ce l’ho con lui. Ce l’ho con il mio fidanzato storico, quello dei vent’anni. Dieci anni passati insieme, lotte radicali condivise su ogni fronte che riguardasse la libertà individuale dall’eutanasia alla PMA passando per i diritti della famiglia omogenitoriale, e poi durante una grigliata con la SUA di famiglia, composta da una compagna splendida e figli bellissimi, mi viene a dire che tu Omar, non puoi capire la fatica dell’essere genitore perché non hai…

Continue Reading
0 Comments

Niente invano, tutto in vino.

Di tutte le clienti che bazzicano l’enoteca, Lea è la più interessante e quella a cui voglio più bene. Non abbiamo un rapporto di amicizia vero e proprio, la nostra frequentazione si limita alle chiacchiere a fondo perduto mentre si commenta distrattamente una denominazione sottovalutata; tiri di sponda per sentirsi dire ma dai, ma quanto saremo cretine, questa cazzata l’ho fatta pure io! e lasciarla andare via contenta dell’acquisto e con la rassicurante, reciproca consapevolezza di non essere l’unica cogliona ad aver speso troppo tempo con la persona sbagliata. A venti sodissimi anni, mentre si manteneva gli studi universitari lavorando come barista…

Continue Reading
0 Comments

Un’infanzia degli anni Settanta.

Le maratone natalizie sono state uno sfinimento, sia dal punto di vista emotivo che per l’apparato digerente.  Ho mangiato e bevuto di tutto, ma la bottiglia più interessante è stata quella contenente un pinot noir proveniente dalla Nuova Zelanda, dal Marlborough per la precisione; Oyster Bay, vintage 2012 ovvero un vino franco, semplice ma non sciocco. Pulito, dalla polpa golosa e la freschezza sfacciata, una bevuta senza bisogno di interpretazioni per un vino quasi didattico; un pinot noir così come deve essere.  Mia sorella viveva in Nuova Zelanda dal 1998, ed è lì che ora riposa. A volte abbiamo bisogno…

Continue Reading
2 Comments

Una vita breve.

Pranzo in famiglia significativo, ospiti Kiwi. Ho aperto bottiglie a cui tenevo. Una perché parla dritta al cuore, un’altra perché mi è stata regalata da un buon amico, l’ultima perché è stato il mio primo acquisto importante, quello per il quale ho dovuto riflettere se valeva la pena spendere i pochi soldi che avevo in quel periodo in una cosa che avrebbe avuto vita breve. Dopo aver rotto il fiato con questa bottiglia, è stata la fine; col senno del poi sarebbe stato meglio continuare a coltivare dubbi sugli acquisti enoici, ma questa è un’altra storia. A parte la bottiglia…

Continue Reading
0 Comments

I figli degli altri.

Forse è vero, le donne che non hanno figli possono immaginare solo vagamente quanto sia potente, totale e assoluto l’amore di una mamma. Ma le mamme hanno idea di quanto possa essere travolgente, robusto e per nulla scontato l’amore che una donna dà ai figli acquisiti? Quelli cioè, che sono nati da altri lombi e che sono lì a dimostrare ogni secondo quanto forte sia stato l’amore che c’era prima di noi? Riflettono mai su quanto sia sorprendente la teoria del caos, che unisce per sempre persone incompatibili tra loro assicurando una progenie forte delle diversità acquisite? Ogni mese maledico…

Continue Reading
4 Comments

La gloriosa fine di un anno poco dignitoso.

Uscita dall’enoteca vado al parcheggio dove mi ferma un tipo. Mi chiede se sono la proprietaria della tal auto. Sì, sono io. Mi spiega che mentre non c’ero, una signora mi è venuta addosso con la sua di auto, ed è scappata via. Nonostante la fuga, il tipo ha preso il numero di targa; me lo porge. Tutto qui; quest’anno finisce così come è cominciato. Merda a sprazzi intervallata da moti di gentilezza da parte di sconosciuti. Ma che mi frega, l’importante è essere bellissimi, avere una carrozzeria solida nonostante l’età, e bere bene. Come la mia auto.

Continue Reading
0 Comments

Broken hearts enoteca.

Mi dai qualcosa che non sia facile da capire? Vorrei  uno di quei vini strani, introvabili, che alla fine non sai se ti piacciono da pazzi o se è solo brodaglia sopravvalutata. Cosa è successo? Ti vedo troppo spesso, ultimamente. È la terza volta che torni qui e non è passata una settimana dall’ultima visita. Mi imbarazza un po’ dirlo. Lei mi ha lasciato. Ha dato la colpa al mio lavoro, del resto fare lo chef porta via tanto tempo alla coppia. Però checcazzo avrei preferito saperlo diversamente, senza scoprirlo come nelle migliori commedie pecorecce degli anni 70. Che idiota…

Continue Reading
0 Comments

A che punto eravamo rimasti?

Settembre, l’uva è pronta e Sara pende. Settembre è il mese che segna la venuta del nuovo anno. Si fanno proclami, si stilano liste di cose da fare sognando nuovi progetti, le idee fermentano come succo d’uva sollecitato dai lieviti. Eppure questa volta non riesco a programmare nulla: nessuno slancio né pensiero bello al quale appigliarmi per resistere alle giornate, di certo più corte ma infinite. È un continuo aggiustarmi dentro qualcosa che capita contro la mia volontà, una fatica bestiale, un sentimento di resa, passivo anziché propositivo. Mi chiudo alla vita che si affaccia, la respingo senza sforzo; lo…

Continue Reading
1 Comment

Il senso del vino per Sara

Siccome ripetere giova, eccomi con la penna rossa in mano pronta a bacchettare le dita di chi si affanna a dare definizioni avventurose ai vini assaggiati. Quando sento dire con entusiasmo e slancio che  quel tal vino è rock!, l’autore del pensiero probabilmente si sente aggressivo, contemporaneo e pure un po’ anarcoinsurrezionalista; ma nella mia testa si forma l’immagine di Adriano Celentano, fiacco e affaticato nel tentativo vano di sembrare giovane e apparire inevitabilmente giovanile. Oppure, nella migliore delle ipotesi, il mio cervello visualizza questo video: Peggio ancora se la definizione rock! viene data a certi vini francesi, magari belli…

Continue Reading
0 Comments