Ho bonificato la Puglia.

le ruote

La Puglia è una regione lunga, stretta e piena di contraddizioni.

In Puglia mi sono fatta i migliori pianti di disperata, solitaria incomprensione, eppure ogni volta che torno sfioro vette di felicità rare.

La Puglia regala una qualità di vita altissima, ed è per questo motivo che ogni gioviale pugliese, quando esce dalla sua regione, rompe i coglioni al mondo: perché in nessun altro luogo è possibile ritrovare la stessa qualità senza sforzo eccessivo.

Purtroppo i pugliesi hanno questo vizio di mangiare la carne di cavallo che proprio non capisco, però compensano con certi crudi di mare da far venire il capogiro.

Anni fa ho lasciato la Valle d’Itria nel momento più basso della mia carriera di essere umano; ero circondata da persone poco chiare che definivano il vino come qualcosa che deve emozionare, ed ero troppo giovane e senza la spina dorsale necessaria per contestare tanta sciocca banalità, perciò rispondevo facendo SÌ SÌ con la testa mentre pensavo di essere sbagliata, perché non capivo la poesia di tali affermazioni illuminanti.

Sono tornata in Valle d’Itria come giurata per la finale (la bella come viene chiamata l’ultima mano dove si gioca il tutto per tutto) di Radici del Sud, insieme a due enologi, un agronomo e due giornaliste di settore. Dunque, degustando alla cieca le 66 bottiglie precedentemente selezionate, di vino si è parlato in tutti i modi; di certo non è stato liquidato con la ricerca di un’emozione per definirne la bontà.

radici6

radici3

Naturalmente, per mantenere fede alle contraddizioni della Puglia, come spesso accade quando si assaggiano vini senza pregiudizi, alcune delle etichette premiate mi hanno lasciata sorpresa e disorientata. Prematuro spiegare il perché di questa affermazione; bisogna aver fede nella Puglia e nei potentissimi vini del Sud, e attendere il 27 novembre quando si terrà la premiazione delle etichette vincitrici.

radici5

radici7

Per quanto mi riguarda, bonificando a fondo la Valle d’Itria, il primo premio me lo intasco io.

radici1

(sorrisi tannici con Marina Ciancaglini)

0 Comments
Previous Post
morganti1
Shares